Colazione riso en surubachi

Una colazione con gli amici lontani

Preparo la colazione per domani mattina… sono le 22:05 … ora in Sud Americana!

Sono qui tranquillo che seriamente penso ai miei amici… alle persone che ho la fortuna di incontrare. Ma quanto importanti sono i rapporti umani penso, quanto bello è, vedere un amico, abbracciarlo per dirle: ti voglio bene! Mi piace vivere così, ricco di quello che ho la fortuna di respirare, di vedere, tutto qui. Pesto il mortaio e ritrovo i dettagli di alcune amicizie care e mi viene da sorridere! Non vi capita mai? Sento che e’ tutto correlato… un gran bel viaggio… come quando cucino, quando semplicemente immagino quello che vorrei mangiare e sogno. Credo non si possa mangiare tanto per riempire la pancia, non lo meritiamo… Penso invece che prendersene cura, sia un gran bell’inizio di giornata! Allora, preparo la colazione per domani mattina… e lo faccio provando ad usare il Suribachi. Me lo mostrò una docente ad un corso di cucina. Un mortaio giapponese… stupendo! E’ usato principalmente per preparare il gomasio. Praticamente grazie alle zigrinature, pestando i semi se ne polverizza l’ingrediente. Si puo’ usare anche per preparare creme, come in questo caso, che pestando il riso ovviamente cotto, grazie ad un po’ di acqua e del malto si ottiene un’ottima crema spalmabile.

Provare per credere! Se vogliamo dirla tutta non serve un suribachi per prendersi cura di se… si può fare anche con un semplice mixer, certo. Quindi prendiamo il vizio di farlo… con o senza suribachi, poco a poco, in modo che poi diventi quotidianità e non se ne riesca piùa fare a meno. Se ne otterranno mille risultati… come ad esempio iniziare bene la la giornata grazie ad una ricca colazione, o non ultimo, come nel mio caso, pensare che un buon amico o una chiacchiera con la persona amata, sia meglio che uno stupido film rivisto e triturato in un cavolo di televisore.
Buona colazione 🙂

Ingredienti:

  • 1 Tazza di riso integrale,
  • 1/2 bicchiere di acqua,
  • 1 Cucchiaio di malto di riso,
  • semi di lino

Procedimento:

Per prima cosa pestate i semi di lino, quindi aggiungete il riso integrale cotto* e continuate a pestare verso il centro del mortaio. Versate il malto e piano piano il mezzo bicchiere di acqua tiepida. Con pazienza cercate di creare una crema che una volta ottenuta, potra’ essere arricchita volendo con pezzi di frutta a piacere.

* per la cottura del riso procedete aggiungendo una tazza di riso e tre di acqua. In questo modo l’acqua assorbita, rendera’ il riso piu’ morbido della normale cottura.

2 Comments
  1. Ciao Eduardo, bello ritrovarti! 🙂 Hai ragione, il suribachi è uno strumento magico, secondo me molto meglio del mixer che fa tutto subito e non impone il giusto tempo per pensare. Con il mixer le cose vengono sempre più acquose che facendole a mano, magari è la metafora di una vita più piena sapendone rispettare i tempi.

    1. Ciao Grazia!!! Che bello risentirti 😀 . Mi piace un sacco il suribachi… sono contento di averlo portato con me. E’ un attrezzo utilissimo… chiaro che ci metti più tempo che con un semplice mixer, ma vuoi mettere? Poi cos’è il tempo se non lo spendi bene? Accolgo la tua metafora che e’ anche la mia… quindi calma y sonrisa … me gusta esta nueva forma de vida <3. Hasta luego

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *